Nelle profondità della Luna si trova molta acqua!

cratere-lunare-bullialdus-00.jpgPer molti anni, i ricercatori hanno creduto che le rocce interne della Luna fossero un ‘osso secco’ e che qualsiasi traccia di acqua scoperta nei campioni delle missioni Apollo dovesse essere attribuito ad una qualche contaminazione da parte della Terra.

Ma i risultati di uno studio pubblicato il 25 agosto 2013 sulla rivista Nature Geoscience dimostrano l’esistenza di ‘acqua magmatica’ sulla Luna, cioè di acqua che proviene dal profondo interno del nostro satellite. Lo studio è stato condotto utilizzando i dati del Moon Minerology Mapper (M3) della Nasa.

“La scoperta rappresenta un contributo interessante sulla comprensione dell’evoluzione dell’acqua magmatica della Luna”, spiega Rachel Klima, geologo planetario presso la Hopkins Universityt e autore principale dello studio.

“Circa cinque anni fa, le nuove tecniche di laboratorio utilizzate per analizzare i campioni lunari hanno rivelato che l’interno della Luna non è arido come si pensava in precedenza”.

Quando nel 2009 la Nasa individuò presenza di acqua sulla superficie lunare, i ricercatori pensarono che si trattasse di un sottile strato superficiale formatosi a causa del vento solare che colpisce continuamente la Luna.

“Purtroppo, queste acque superficiali non ci hanno dato nessuna informazione sulla presenza in profondità di acqua magmatica, la quale si trova all’interno della crosta e del mantello lunare”, spiega il co-autore dello studio Justin Hagerty dell’US Geological Survey.

“Tuttavia, siamo stati in grado di identificare alcuni tipi di roccia all’interno del cratere Bullialdus che potranno aiutarci a comprendere come si è formata l’acqua di superficie e dove potrebbe trovarsi nel mantello lunare”.

Nel 2009, la sonda M3, collocata a bordo del veicolo spaziale indiano Chandrayaan-1, eseguì una rilevazione completa del cratere Bullialdus, il quale si trova a 25 gradi di latitudine dall’equatore, in una posizione del tutto sfavorevole al vento solare, tanto da far escludere qualsiasi produzione significativa di acqua.

cratere-lunare-bullialdus-02.jpg “Le rocce del picco centrale del cratere sono di un tipo chiamato ‘norite’, che solitamente cristallizza quando il magma risale, ma viene intrappolato sotto la superficie, piuttosto che eruttare come la lava”, commenta Klima.

“La presenza di questo tipo formazione, in combinazione con una presenza idrica modesta nella zona, ci ha permesso di quantificare la quantità di acqua all’interno di queste rocce”.

Secondo gli scienziati, l’acqua magmatica fornirà informazioni preziose sui processi geologici della Luna e la sua composizione interna, contribuendo a comprendere come si sia formato il nostro satellite.

Tuttavia, i ricercatori credono che per avere una conferma definitiva, sia necessario guardare anche in altre regioni della Luna, integrando il loro studio con i dati provenienti da altre missioni orbitali.

“Questa imponente ricerca conferma le precedenti analisi di laboratorio dei campioni raccolti dalle missioni Apollo e aiuterà ad ampliare la nostra comprensione di come abbia avuto origina l’acqua sulla Luna”, commenta Yvonne Pendleton, direttore del NLSI.

Nelle profondità della Luna si trova molta acqua!ultima modifica: 2013-08-28T10:46:31+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo