Scoperti gli scheletri di due “vampiri” in Bulgaria – Risalenti a sette secoli fa, sono stati ritrovati senza denti (rimossi per precauzione) e con accanto la barra di ferro con cui erano stati colpiti più volte al petto

vampiro-01.jpg

La scoperta di due scheletri di 700 anni fa in Bulgaria, uno dei quali qui fotografato al Museo nazionale di Storia, testimonia che la paura dei vampiri precede di gran lunga il Conte Dracula narrato da Bram Stoker. I presunti “vampiri” sono stati trovati sepolti fra le rovine di una chiesa nella cittadina di Sozopol, sul Mar Nero. Gli scheletri mostravano segni di colpi al petto inflitti con una barra di ferro trovata nella tomba accanto al corpo.

vampiro-05.jpg

vampiro-02.jpg

I denti dei cadaveri erano stati rimossi. Gli studiosi ritengono che i colpi con l’asta e la rimozione dei denti rappresentino l’intento da parte degli abitanti del villaggio di evitare che i morti si trasformassero in vampiri. Quella per i vampiri è un’ossessione che attraversa l’Europa per secoli: “Sono stati trovati scheletri in tombe di migliaia di anni fa legati, sepolti a testa in giù, decapitati… tutti metodi per evitare che il corpo del morto tornasse in vita per aggredire”, racconta lo storico Mark Collins Jenkins nel suo libro Vampire Forensics

vampiro-04.jpg

vampiro-03.jpg

L’idea di un vampiro mangiatore di uomini, il Nachzehrer, non appare in Europa prima del XVII secolo; ma il fatto che i resti di Sozopol siano stati trovati senza denti suggerisce che questa credenza fosse presente in Bulgaria secoli prima. Il direttore del Museo nazionale di Storia Bozhidar Dimitrov racconta che le credenze pagane del Medioevo affermavano che chi aveva commesso atti considerati tabù potessero trasformarsi in vampiri dopo la morte e infettare i vivi. Inoltre, spiega Jenkins, le anime dei morti prematuramente erano più soggetti a trasformarsi in vampiri a causa del rancore verso coloro che erano ancora in vita. 

Nachzehrer, vampiri, twilight, dracula, news, notizieAd alimentare il mito dei vampiri, oltre alle credenze vi erano anche una serie di idee errate frutto dell’ignoranza. Matteo Borrini, archeologo forense dell’Università di Firenze, che nel 2009 riportò alla luce il corpo di una donna del XVI secolo sepolta con un mattone in bocca e ritenuta un vampiro, afferma che molti corpi in decomposizione venivano erroneamente identificati come vampiri. “In passato il processo di decomposizione non era ben conosciuto”, racconta Borrini. “Quindi quando un corpo veniva scoperto con le orribili trasformazioni dovute alla decomposizione veniva identificato con la leggendaria figura del vampiro”.

Anche se la Bulgaria del tempo aveva prodotto una serie di rituali specifici per contrastare i presunti vampiri, l’idea stessa di vampiro era piuttosto simile in tutta Europa. “Vi erano solo piccole differenze nel modo in cui attaccavano i viventi e negli esorcismi necessari a fermarli”, spiega Borrini. Le credenze sui vampiri iniziano a sparire in Bulgaria e nel resto d’Europa attorno al XIX secolo, ma secondo Borrini “queste scoperte, come anche la mia a Venezia, ci permettono di ricostruire antiche tradizioni, e di comprendere i timori e le vicende di un paese”. [Fonte].

Il misterioso fenomeno degli Umanoidi Volanti

Esistono le sirene? Alla scoperta della “scimmia acquatica”

I Neanderthal conoscevano le proprietà medicinali delle piante

L’umanità è più vecchia di tre milioni di anni

Scoperto in Cina lo scheletro di un ominide sconosciuto

Scoperti gli scheletri di due “vampiri” in Bulgaria – Risalenti a sette secoli fa, sono stati ritrovati senza denti (rimossi per precauzione) e con accanto la barra di ferro con cui erano stati colpiti più volte al pettoultima modifica: 2012-07-26T00:05:00+02:00da kattolika177
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento