Le 7 crisi che l’umanità potrebbe trovarsi ad affrontare a breve

terra-in-fiamme.jpgNei tempi folli in cui viviamo, riuscire a prevedere l’imprevedibile, può risultare di grande aiuto. Molti di noi hanno l’illusione di avere tutto sotto controllo, che le nostre vite procederanno sicure e che, in fin dei conti, andrà tutto bene come sempre.

E’ inutile dire che si tratta della più grande illusione costruita dal Sistema Mondo. Nessuna di queste persone, a inizio anno, avrebbe mai pensato che ci saremo trovati a fronteggiare la siccità più grave degli ultimi 50 anni, con un danno economico calcolato dalla Coldiretti pari a 1 miliardo di Euro.

E chi mai avrebbe pensato che la terra dell’Emilia Romagna potesse tremare così forte da causare 17 morti e 3 mila sfollati, con danni economici per quasi 12 miliardi di euro? E chi altri si sarebbe mai aspettato la tragica agonia dell’Euro che sta martoriando i cittadini europei, a causa di euroburocrati che continuano a chiedere durissimi sacrifici alla popolazione per salvare un paziente nato morto. E chi poteva prevedere il curioso conflitto diplomatico tra l’Occidente degli Illuminati e il Movimento dei paesi non allineati a causa di Julian Assange e del caso Wikileaks?

Pochissime persone possiedono il raro dono di prevedere eventi che potrebbero realizzarsi. Ma c’è bisogno di arti magiche o esoteriche per “vedere il futuro”? No, serve la buona, cara e vecchia intelligenza, quello strumento straordinario che ti permette di osservare, analizzare e proiettare. Un singolo evento, grande o piccolo, può avere effetti a catena su altre decine di situazioni. Il nostro mondo è diventato ipercomplesso e molto instabile.

Cosa potrebbe accadere in questa seconda metà del 2012? Assisteremo al crollo dell’economia e a un’eruzione di rabbia da parte dei cittadini europei? Ci saranno sconvolgimenti climatici a causa del riscaldamento globale? Ci sarà questa fatidica tempesta magnetica che getterà del medioevo tutto il mondo? Oppure dobbiamo prepararci al peggio, e cioè l’inizio della “tanto attesa” Terza Guerra Mondiale, preludio all’instaurazione del Nuovo Ordine Mondiale? L’impressione che tutti hanno è che qualcosa stia per succedere. Ecco i punti caldi:

 

1) Siccità storica e carestia

siccit%C3%A0.jpgQuesta estate, diverse regioni del mondo, Italia compresa, hanno sperimentato la peggiore siccità degli ultimi 50 anni. La situazione è stata devastante per agricoltori e allevatori di tutta la Terra. Tra i Paesi travolti dalla siccità infatti, adesso non c’è solo l’Italia, ma anche altri Paesi come Stati Uniti e Francia, costretti a programmare in fretta piani di battaglia per far fronte alle perdite alimentari. A discutere sui modi di limitare il rincaro delle materie prime agricole non solo l’Italia, ma anche il resto del mondo. Il 27 agosto, infatti, è prevista una riunione d’emergenza tra Messico (presidente di turno del G20), Usa e Francia dopo la grave siccità che ha colpito gli Stati Uniti per cercare una reazione rapida. [Leggi].

Bisogna tenere presente che la metà di tutto il mais del pianeta viene coltivato negli Stati Uniti, i quali hanno ottenuti raccolti molto scarsi. A fronte di una richiesta altissima di frumento e di uno scarsissimo raccolto, non è da escludere un considerevole aumento del prezzo del grano. [Leggi].

 

2) Scarsità dell’acqua sul pianeta

guerre-acqua.jpgUna volta qualcuno ebbe a dire che la prossima guerra mondiale si combatterà per l’oro blu, ovvero l’acqua. L’unico elemento davvero necessario per la vita negli ultimi anni ha rappresentato un valore superiore allo stesso petrolio e molti Governi si sono dovuti “accordare” al fine di ottenere la propria fornitura personale. Gli esperti avvertono che il deficit di acqua in Asia potrebbe provocare nuove guerre in questo continente.

La situazione più grave sembra registrarsi in Asia meridionale e Sud-orientale: lì alcuni paesi sembrano pronti ad intraprendere lotte per i fiumi. L’India e il Pakistan, per già tre volte avversari, si sono ritrovati sull’orlo di un nuovo conflitto per le risorse idriche. Islamabad accusa Deli di “terrorismo idrico“: si drena acqua per costruire centrali idroelettriche sul fiume Indo, sul confine, tentando di privare il paese confinante di acqua per l’irrigazione e indebolendo la sua economia.

Intanto la Cina è pronta a dare una risposta simile a quella dell’India. Il suo progetto di ottenere energia idrica a Brahmaputra e da altri fiumi in Tibet minacciano di privare di acqua milioni di contadini indiani. “I conflitti per l’acqua potabile in queste regioni, considerata la forte crescita della popolazione, dell’economia e delle esigenze di acqua, diventano sempre di più causa di inasprimenti. Qui sono necessari, evidentemente, sforzi internazionali seri per creare una sorta di diritto della distribuzione e dell’uso delle fonti idriche.

Esiste un gran numero di casi in cui i fiumi cominciano in uno stato e finiscono in un altro. Questo diventa ragione di seri conflitti: il paese che possiede queste risorse idriche ha effettivamente diritto di disporne in maniera autonoma, senza chiedere consigli o rendere conto ai suoi vicini”, ha dichiarato Dmitrij Mosjakov, esperto dell’Università degli studi umanistici di Mosca, in una intervista rilasciata alla Voce della Russia.

 

3) Collasso finanziario

collasso-finanziario.jpgSembra che stia accadendo qualcosa di veramente strano. In tutto il mondo, i governi e le grandi banche si comportano come se prevedessero un imminente collasso finanziario. Purtroppo, non siamo al corrente delle conversazioni riservate che si svolgono nei consigli di amministrazione aziendali e nelle stanze del potere in luoghi come Washington DC e Londra, quindi tutto quello che possiamo fare è cercare di dare un senso a tutti gli indizi che sono intorno a noi.

Ci sono state segnalazioni che il governo degli Stati Uniti ha fatto scorta di alimenti e munizioni, e Barack Obama ha firmato tutta una serie di ordini esecutivi che potrebbero essere utilizzati nel caso di un tracollo grave della società. Che cosa significa tutto questo? Potrebbe significare qualcosa o potrebbe significare nulla. Quello che sappiamo è che ad un certo punto arriverà un crollo finanziario. Negli ultimi 40 anni, la quantità totale di tutti i debiti negli Stati Uniti è cresciuta da circa 2 miliardi di dollari a quasi 55 trilioni di dollari. Questa è una ricetta per la catastrofe finanziaria, ed è inevitabile che questa gigantesca bolla del debito ad un certo punto scoppierà. [Leggi].

 

4) Tempesta solare

tempesta-solare.jpgLa Commissione europea è preoccupata per la tempesta solare che potrebbe colpire il pianeta nel prossimo 2013. L’organismo europeo, verso la fine del 2011, presentò una relazione dove si parla del “crescente rischio che si verifichi un evento tecnologico, causato da una tempesta solare, di dimensioni catastrofiche” prevista tra il 2012 ed il 2013, che andrà a interessare le infrastrutture terrestri come le reti elettriche, di telecomunicazioni, navigatore satellitare e le banche.

Il rapporto osserva che per il prossimo massimo solare del 2013 bisogna aumentare gli studi e le conoscenze di analisi sull’evento previsto in modo tale da avere una conoscenza di quello che potrebbe capitare da questo impatto meteorologico spaziale su alcune importanti infrastrutture. Il rischio di un possibile back out a causa della tempesta solare in arrivo è alta ed il rapporto evidenzia come la società non sia preparata a questo evento catastrofico.

Inoltre la commissione UE sta preparando un piano che evidenzi le linee guida da adottare e di comunicazione alternativa prima che si verifichi l’evento, in modo da sapersi muovere in caso di una mega tempesta solare. In questo momento ci sono in elaborazione protocolli di intervento all’allarme. Sono previsti Stress test e simulazioni di addestramento per evidenziare le lacune e le debolezze delle procedure di emergenza. [Leggi].

 

5) Grande terremoto globale

terremoto-globale.jpgIl recente aumento dell’attività sismica, sia in Italia che nel resto del Mondo, può avere legami con la violenta tempesta solare che pochi giorni fa ha investito la Terra, generando stupende Aurore Boreali? Nessuna certezza sino ad ora ci permette di dire con sicurezza che la risposta è si, ma molti studi effettuati in passato mostrano una possibile correlazione tra l’incremento dell’attività sismica nei luoghi più sensibili ed intensi episodi di tempeste solari.

E’ ormai scientificamente provato che i brillamenti solari provochino dei “solemoti” ovvero delle increspature della superficie solare, paragonate ai nostri terremoti ma sul Sole.  Le tempeste solari generate da questi brillamenti, secondo alcuni studi, sarebbero in grado di deformare il campo magnetico terrestre schiacciandolo nelle regione d’impatto ed allungandolo in quelle opposte. Ci sono studi che evidenziano come le tempeste solari interferiscono con il campo magnetico terrestre determinandone delle improvvise anomalie che a loro volta andrebbero ad influenzare le caratteristiche di alcuni materiale “sensibili” quali i ferromagnetici con un processo noto come magnetostrizione.

Esso provocherebbe un variazione del volume di questi materiali che quindi andrebbero a favorire lo sviluppo di ulteriori tensioni nei materiali della crosta e laddove queste tensioni sono già rilevanti, parliamo naturalmente delle linee di faglia principali che attraversano il pianeta, i terremoti possono essere favoriti. [Leggi].

 

6) Il finto black out per instaurare il NOM

nuovo-ordine-mondiale.jpgPaolo Franceschetti, scrittore e investigatore indipendente, sul suo sito e in diverse conferenze tenute in giro per l’Italia, afferma che quello cha sta per succedere potrebbe avere dell’incredibile. Franceschetti sostiene che l’elite illuminata al potere ha architettato un falso “black out” globale, che immobilizzerà l’intero mondo civile, nella ricerca folle delle responsabilità, e nel tentativo di reagire a una minaccia, si scatenerà una bella guerra planetaria.

Ma di quelle coi fiocchi, non un incidente marginale come la seconda guerra mondiale, che ha fatto solo cinquanta milioni di morti. Una guerra vera, di quelle che la tecnica ci consente oggi di fare, con intere aree del pianeta desertificate dalle radiazioni, con almeno la metà della popolazione mondiale che scompare, per fuoco amico, fame, pestilenze, insomma una cosa per bene, fatta da generali competenti e responsabili, all’altezza dei tempi. [Leggi].

Scrive ancora in un altro intervento sul blog:

La cosa che mi ha più impensierito è questa storia della sospensione della corrente elettrica. Ci sarà o no? Sono mesi che osservo e cerco di capire. Vediamo cosa ho potuto constatare.

A) Di recente c’è stata una sospensione della corrente elettrica in Belgio per diverse ore. Cause sconosciute.

B) Pochi giorni prima del Belgio era toccato alla California: 5 milioni di persone sono rimaste al buio per giorni. Anche qui le cause sono sconosciute e i media non hanno riportato alcuna notizia sulle conseguenze del black out. Silenzio tombale su un evento che pure meritava qualche riga in più.

C) A questo punto sono andato a rivedere le notizie relative al black out del 2004 in Italia. A quel tempo, andò via la corrente in tutta Italia per circa 12 ore. I giornali ci raccontarono che il fatto fu dovuto ad un albero che cadde su una linea dell’alta tensione in Svizzera. In questi anni ho parlato con persone che lavorano all’Enel e mi hanno tutte confermato che tale notizia era una balla clamorosa, perché una spiegazione di questo tipo è impossibile. Incuriosito maggiormente allora sono andato a leggermi la relazione tecnica della commissione di inchiesta istituita a suo tempo dal parlamento per indagare le cause del black out. [Aggiungiamo anche quello recente in India, che ha lasciato al buoi per 24 ore quasi 600 milioni di indiani, n.d.r.]. Insomma, si può ragionevolmente concludere che questi black out altro non siano che prove generali del black out futuro.

 

Ora la domanda è: quale scusa troveranno?

La risposta mi è giunta inaspettata guardando un video di Swami Kriyananda – un leader spirituale della comunità Ananda, che si rifà agli insegnamenti di Paramahansa Yogananda – il quale ha parlato di una sospensione dell’energia elettrica per tre settimane, in conseguenza di una tempesta solare che ci sarà nel 2012. La cosa che mi ha colpito è la precisione e la sicurezza con cui indicava le modalità e la durata di questo evento, come se fosse informato con molta precisione.

A questo punto faccio un ulteriore controllo. In effetti pare che sia prevista una tempesta solare proprio per il 2012. Ce ne fu una alla fine dell’800, ma ovviamente non ebbe gli esiti disastrosi che potrebbe avere questa tempesta, in un’era in cui tutto funziona in base all’elettricità.

Ecco quindi il possibile colpo di genio dei nostri governanti. La sospensione dell’energia elettrica ci sarà e la colpa sarà addossata alla tempesta solare.

 

Perchè?

A questo punto lo scenario mi appare chiaro. Ci sarà la crisi, e per giunta sarà uno scenario apocalittico, perché si sommerà alla sospensione dell’energia elettrica in buona parte del mondo, cui seguirà un giro di vite dittatoriale.

La sospensione – o meglio le catastrofi cui porterà – non sarà però dovuta alla tempesta solare, come vorranno farci credere, e come la gente più credulona sarà disposta a pensare.Sarà voluta dal sistema, perché sarebbe possibile informare la gente già fin da ora su come è possibile affrontare una simile catastrofe, mentre invece colpevolmente tacciono tutti.

Qualcuno obietta che non bisogna creare il panico tra la popolazione, e in questo trova la giustificazione al silenzio dei media. Ma in realtà non si tratta di creare il panico. Si tratta semplicemente di informare, senza creare allarmismi, e preparare le persone all’evento che probabilmente ci sarà. Se poi tale evento non si verificherà, per un errore di previsione, per un miracolo, o semplicemente perché l’informazione è falsa, sarà tanto meglio per tutti. [Leggi].

 

7) Terza Guerra Mondiale

terza-guerra-mondiale.jpgLe guerre mondiali rientrano nel grande piano che, secondo l’elite degli illuminati, dovrebbe portare al Nuovo Ordine Mondiale e al governo unico mondiale. Quindi, i conflitti mondiali sono un mezzo di controllo e di manipolazione. Dopo la Prima Guerra Mondiale, abbiamo assistito alla nascita della Società delle Nazioni, primo organismo intergovernativo funzionale alla creazione di un governo unico mondiale. Invece, i frutti dalla Seconda Guerra Mondiale sono stati due: la nascita dell’eurozona (tesa a ridurre la sovranità nazionale degli stati europei) e la nascita dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, embrione istituzionale del prossimo governo unico mondiale.

Tra gli investigatori della cospirazione c’è il sospetto che l’elite illuminata abbia programmato anche una Terza Guerra Mondiale, con lo scopo di ultimare il piano secolare del governo unico mondiale. In effetti, ci troviamo in una situazione esplosiva, dove gli equilibri diplomatici ed economici sembrano prossimi ad esplodere.

illuminati-paesi-non-allineati.jpg

Quali sarebbero le parti belligeranti? L’ipotesi più accreditata è che il conflitto potrebbe combattersi tra il gruppo di paesi occidentali soggiogati dal Bildenberg Club e il gruppo del cosidetto Movimento dei paesi non allineati, un’organizzazione internazionale di più di 100 stati che si considerano non allineati con o contro le principali potenze mondiali. La mappa, sulla quale è possibile rendersi conte degli schieramenti, non fa altro che riprodurre la divisione economica del pianeta Terra dove ci sono i ricchi paesi predatori del Nord (i grigi) e i paesi impoveriti del Sud. La questione di Julian Assange rifugiatosi dell’ambasciata dell’Ecuador e il conflitto diplomatico tra la Gran Bretagna e il governo ecuadoregno, non solo altro che la punta visibile di un iceberg profondo, molto profondo…

Herman lo spettinato: il premier d’Europa non eletto

Tre città americane dichiarano bancarotta

Lord Rothschield scommette sul fallimento dell’Euro

Esercitazioni militari congiunte tra USA e Corea del Sud

Cosa ci fa una piramide nell’Area 51 e poi in Antartide?

Le 7 crisi che l’umanità potrebbe trovarsi ad affrontare a breveultima modifica: 2012-08-25T09:30:00+02:00da kattolika177
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Le 7 crisi che l’umanità potrebbe trovarsi ad affrontare a breve

  1. Avete dimenticato la cosa più importante da citare in questo articolo:

    Il Libero Arbitrio.

    Le Persone possono tranquillamente Scegliere di chiamarsene fuori da questa buffonata mondiale, concentrarsi su sé stesse e limitarsi a sedere sulla riva del fiume a guardare gli Arconti che affogano nella loro stupidità.

    A voi la scelta, Popolo di Gaia.

Lascia un commento