Cosa sta succedendo al clima? Piogge torrenziali. Siccità. Ondate di caldo o di freddo

national-geograpchi-00.jpgIl tempo è cambiato. Eventi estremi – tra cui fenomeni che secondo gli esperti capitano una volta ogni mille anni – accadono più spesso che in passato. 

Una pioggia torrenziale (28 centimetri in 24 ore) sommerge Rio de Janeiro, e le ondate di fango seppelliscono centinaia di persone. Circa quattro mesi dopo, le inondazioni causate dalle piogge record hanno colpito 20 milioni di persone in Pakistan. Alla fine del 2011 un’alluvione ha sommerso centinaia di fabbriche nei pressi di Bangkok, provocando una penuria di dischi rigidi per computer in tutto il mondo.

Ma non sono soltanto le piogge torrenziali a conquistare le prime pagine dei giornali. Negli ultimi dieci anni gravi siccità hanno colpito il Texas, l’Australia, la Russia e l’Africa orientale, dove decine di migliaia di persone hanno cercato rifugio nei campi profughi. Ondate di caldo torrido hanno colpito l’Europa e negli Stati Uniti si è abbattuto un numero record di trombe d’aria.

national-geograpchi-01.jpg

Nel 2011 questi eventi calamitosi hanno provocato danni per circa 150 miliardi di dollari in tutto il mondo, circa il 25 per cento in più rispetto all’anno precedente. Negli Usa i danni ammontano a oltre un miliardo di dollari a causa di 14 calamità naturali,  ben oltre il record di 9 stabilito nel 2008. Che succede? Questi eventi estremi sono frutto di un pericoloso cambiamento climatico provocato dall’uomo? O è solo un periodo sfortunato?

 

ARIZONA

national-geograpchi-02.jpg

Una violenta tempesta di polvere avanza verso Phoenix il 5 luglio 2011. Il muro di polvere e sabbia alto 1.500 metri è stato generato dalle tempeste nel deserto. Fotografia di Daniel Bryant

 

TEXAS

national-geograpchi-03.jpg

A Bastrop, il 5 settembre 2011, durante un periodo di siccità e un’ondata di caldo da record, è divampato un incendio che ha distrutto 1.685 case. Il disastro potrebbe essere stato innescato da alcuni pini morti caduti sui cavi dell’elettricità. Fotografia di Larry W. Smith, European PressPhoto Agency/Landov

 

SVIZZERA

national-geograpchi-04.jpg

Nel febbraio 2012 gli spruzzi gelati del lago di Ginevra hanno ricoperto il lungolago. Un insolito spostamento verso sud della corrente a getto polare, che si è spinta fino all’Africa, ha portato sull’Europa l’aria dell’Artico e forti nevicate, uccidendo centinaia di persone. Fotografia di Martial Trezzini, European Pressphoto Agency/Landov

 

TENNESSEE

national-geograpchi-05.jpg

Il 2 maggio 2010 la jeep di Jamey Howell e Andrea Silvia è stata travolta da un’ondata di piena. I due ragazzi sono rimasti aggrappati all’auto per più di un’ora sotto gli occhi disperati dei genitori. Poi hanno mollato la presa, ma pur trascinati dalla corrente per più di un chilometro sono riusciti a salire sulla sponda del fiume e a salvarsi. Fotografia di Rick Murray

 

MISSISSIPPI

national-geograpchi-06.jpg

Protetta da un argine, una casa a Vicksburg resiste alla piena del fiume Yazoo nel maggio del 2011. La neve sciolta e le piogge (otto volte più abbondanti del solito nel bacino del Mississippi) hanno scatenato alluvioni con danni stimati dai 3 ai 4 miliardi di dollari. Fotografia di Scott Olson, Getty Images

 

ALABAMA

national-geograpchi-07.jpg

Il 27 aprile 2011 gli Stati Uniti sono stati colpiti da 199 tornado: un record per un solo giorno. Ma la scienza non ha la certezza che la frequenza di questi fenomeni sia in aumento. Un tornado che viaggiava a 305 chilometri l’ora ha scavato una linea netta attraverso Tuscaloosa, mancando di poco lo stadio del football (in alto a sinistra) dell’Università dell’Alabama; ha poi minacciato un centro commerciale (l’edificio a X al centro) e l’ospedale principale, che presto ha iniziato ad accogliere i feriti. Il tornado ha ucciso 44 persone per poi dirigersi verso Birmingham, dove ne ha uccise altre 20. Fotografia di Digitalglobe

 

TEXAS

national-geograpchi-08.jpg

Le linee bianche sulle pendici delle colline (a destra) segnano il livello dell’acqua medio nel bacino E.V. Spencer vicino a Robert Lee, nel Texas. Nel corso della siccità prolungata le acque del bacino sono diminuite del 99 per cento, e i centri abitati che ne dipendevano hanno dovuto cercare approvvigionamenti da altre fonti: scavando nuovi pozzi, costruendo condutture, o facendo arrivare l’acqua con i camion. Fotografia di Robb Kendrick [National Geographic].

Se nevica ad agosto, c’è qualcosa che non va

Il mediterraneo è una pentola a pressione pronta a scoppiare

Dimostrata correlazione tra cicli solari e clima terrestre

Riscaldamento globale: inverni sempre più freddi!

L’umanità ha raggiunto i limiti del suo sviluppo

Cosa sta succedendo al clima? Piogge torrenziali. Siccità. Ondate di caldo o di freddoultima modifica: 2012-09-04T16:42:16+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento