Tra nove anni sbarcheremo di nuovo sulla Luna! Forse…

exploration-mission-01.jpgGli USA hanno in programma il lancio verso la Luna dell’apparato spaziale Orion MPCV che deve essere messo in orbita da un nuovo missile vettore pesante (Space Launch System o SLS). Questa spedizione può inaugurare una nuova tappa della valorizzazione dello spazio o confermare ancora una volta che per l’uomo nello spazio non esistono ancora compiti da effettuare.

Gli elaborati di questo programma sono passati sotto nuove denominazioni negli ulteriori programmi della NASA. Ciò vale, in particolare, per l’apparato pilotato Orion che adesso si denomina Orion Multi-Purpose Crew Vehicle, ossia apparato multifunzionale pilotato Orion. Si prevede di usare questo apparato praticamente in tutti i programmi pilotati, dai voli sulla Stazione spaziale internazionale (SSI) alla spedizione verso Marte. Del resto, il futuro di questo sistema si presenta ancora molto vago, innanzitutto a causa dell’assenza di un obiettivo nettamente formulato.

Per il momento i primi due voli dell’SLS e della nave Orion MPCV sono fissati per il 2017 e 2021 rispettivamente. Durante la prima spedizione (EM-1 – Exploration Mission–1) si programma di “provare elementi criticamente importanti e il funzionamento dell’apparato nel relativo ambiente fino al primo lancio pilotato del sistema”. La missione della durata di 6-10 giorni deve includere il volo circumterrestre, il passaggio sulla traiettoria di volo verso la Luna, il volo circumlunare, il ritorno sulla Terra e l’atterraggio.

La seconda spedizione (EM-2) non sarà cardinalmente diversa, per i dettagli tecnici, dalla prima. Tuttavia a bordo dell’Orion MPCV può trovarsi un equipaggio di non più di quattro persone. L’apparato si troverà vicino alla Luna per tre o quattro giorni, anziché uno. Si prevede che, per riparmiare il propellente, la nave volerà intorno alla Luna su un’orbita alta (1000–3000 km). Poi Orion ritornerà sulla Terra.

Il lancio successivo dell’SLS, programmato per il 2022, è ancor meno definito. Probabilmente, sarà legato alla costruzione della nuova stazione spaziale Exploration Gateway Platform che si prevede di collocare nel punto di Lagrange L2 (1,5 milioni di chilometri dalla Terra) e di usare per il trasbordo delle successive spedizioni sulla Luna, verso asteriodi e Marte.

Gateway Platform sarà assemblata sulla SSI e poi partirà autonomamente verso il punto di destinazione. Il compito del terzo lancio dell’SLS sarà quello di trasportare sulla SSI le attrezzature per i propulsori della futura stazione. Il progetto Gateway non è stato ancora approvato.

Nel budget della NASA per il 2013 (circa 17 miliardi di dollari) ai lavori relativi a questo sistema saranno destinati circa 3 miliardi di dollai. Per la realizzazione dell’apparato Orion nell’anno finanziario 2013 è previsto circa 1 miliardo di dollari, per l’SLS 1,4 miliardi, per i lavori ai sistemi terrestri ancora attorno a 400 milioni. Inoltre, circa 3 miliardi saranno spesi per il mantenimento della SSI, senza tener conto del programma dei lanci commerciali. La somma complessiva è paragonabile con il budget scientifico della NASA pari a un po’ meno di 5 miliardi di dollari.

Nondimeno il programma dei voli pilotati della NASA resta ancora abbastanza indeterminato per assenza di obiettivi precisi. Per il momento, nonostante tutto, il “rifugio” principale dei cosmonauti e degli astronauti resta la SSI. Ma non è molto opportuno usare per il riforniomento della SSI il nesso SLS–Orion. Troppo grande – circa 70 o 120 tonnellate a seconda della configurazione – è la massa del carico che può essere portato in orbita con l’aiuto di questo missile vettore. Per i voli sulla SSI è sufficiente una portata di alcune volte minore.

Inoltre, per il mantenimento della stazione è stato praticamente deciso di usare navette commerciali. Recentemente è terminato con successo il volo della navetta cargo Dragon costruita dalla compagnia SpaceX. Risulta, quindi, che gli obiettivi del sistema SLS si trovano oltre le orbite geostazionarie. Ma tali obiettivi non sono ancora nettamente formulati. [Fonte].

Tra nove anni sbarcheremo di nuovo sulla Luna! Forse…ultima modifica: 2012-11-05T16:17:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento