L’enigma della ruota in Cina: inutile spreco o uno “stargate” dimensionale? Il mistero dell'”Anello della Vita”

stargate-cina-00.jpgSe Londra ha la London Eye, con i suoi 135 metri d’altezza la seconda ruota panoramica più grande del mondo, e New York si appresta a erigerne una altissima di 190,5 metri (il New York Wheel da 230 milioni di dollari), la Cina non vuol certo essere da meno. Nella città di Fushun, a nord del Paese, è stato ultimato il «Ring of Life», l’anello della vita. La ruota è gigantesca, ma non ha gondole e non gira.

Ma all’apparente inutilità della gigantesca ruota, c’è chi contrappone una teoria fantascientifica: si tratterebbe di un portale dimensionale per l’accesso ad un’altra dimensione. Sul sito della municipalità di Fushun, l’anello viene indicato come «un sentiero che conduce in Paradiso».

stargate-cina-02.jpg

La struttura è alta 157 metri, quanto un edificio di cinquanta piani. Per realizzarla sono state utilizzate 3.500 tonnellate di ferro e acciaio e vi sono state installate 12 mila luci Led. Costo della scultura: circa 100 milioni di yuan, l’equivalente di 12,5 milioni di euro.

A cosa serve? A quanto pare a nulla. L’«Anello della vita» è stato progettato da Jia Huan Cheng – non uno qualsiasi. È infatti il famoso architetto della Torre della televisione Oriental Pearl di Shangai. In realtà, in quel sito la città avrebbe voluto realizzare una torre per uffici, ma Fushun è un centro troppo piccolo, che non ne ha effettiva necessità. Ed è polemica tra i cittadini.

stargate-cina-03.jpg

Pur essendo probabilmente una gioia per gli occhi, l’opera resta priva di una funzione architettonica precisa. Quattro ascensori dovrebbero portare il visitatore in alto. Per osservare cosa? La vista dei grattacieli incompiuti sottostanti è tutt’altro che esaltante. Nemmeno l’intenzione del costruttore di aggiungere una piattaforma per il bungee jumping ne supererebbe l’inutilità: l’anello sarebbe troppo alto e dunque pericoloso per questo scopo.

La funzione resta perciò solo simbolica. Come si legge sul portale della municipalità di Fushun, l’anello rappresenta «un sentiero che conduce in Paradiso». Ma destare il sospetto dei dietrologi della rete, ci sarebbero alcune costruzioni curiose che si stanno realizzando in Cina nell’ultimo periodo.

stargate-cina-01.jpg

 

Le strutture nel deserto

Per prima cosa, non si spiegano le misteriose e gigantesche strutture individuate nel deserto cinese grazie a Google Earth. Le immagini mostrano costruzioni titaniche non identificabili che destano curiosità e perplessità. Tra le immagini più bizzarre c’è quella rappresentata da un’intricata rete di quelle che sembrano essere enormi strisce metalliche.

strutture-deserto-cina-01.jpg

Di che si tratta? E’ un esperimento militare? Oppure sono i solchi di un qualche macchina scavatrice? La struttura si trova a Dunhuang, a nord del fiume Shule, ne deserto Kumtag. Si estende su una superficie di circa un miglio di lunghezza e più di 3 di larghezza. Le piste sono perfettamente regolari e sembrano essere state tracciate per essere visibili dall’orbita. Secondo l’opinione di qualcuno, potrebbe trattarsi di una sorta di gigantesca griglia per la calibrazione dei satelliti spia o un codice QR per civiltà extraterrestri. Nessuno lo sa veramente. E’ possibile osservarlo su Google Map qui –>.

La seconda struttura misteriosa sembra essere una sorta di gigantesca griglia di mira, anche essa posizionata a nord del fiume Shule.

strutture-deserto-cina-02.jpg

Se si esegue uno zoom, è possibile vedere veicoli distrutti. Sembra essere un enorme bersaglio, anche questa visibile dall’orbita e potrebbe trattarsi di un enorme bersaglio per testare potenti armi satellitari. La struttura si trova ad ovest di quella che sembra essere una grande centrale elettrica o una stazione radio, con una configurazione simile a quella HAARP situata in Alaska. Per osservarla direttamente su Google Map clicca qui –>.

La terza immagine è la più strana di tutte.

strutture-deserto-cina-03.jpg

Migliaia di linee che si intersecano in una griglia titanica di circa 18 miglia di lunghezza. Un’altra griglia di taratura? Osservala su Google Map. Sulla pagina di Gizmodo è possibile osservare altre strane strutture.

 

Le città fantasma cinesi

citta-fantasma-cina-04.jpg

L’altro grande mistero che scuote la curiosità di noi fuffari, è rappresentato dalle misteriose città fantasma che la Cina sta costruendo sul suo territorio. Si potrebbero chiamare ‘inesistenti’, se le mappe non certificassero la loro esistenza. Le foto scattate dal satellite di Google Maps mostrano migliaia di case, edifici e strade deserte.

citta-fantasma-cina-05.jpg

Alcune sono nate nelle lande sterminate della Mongolia, altre sono state progettate sulla carta per ospitare centinaia di minatori nelle zone di estrazione del carbone, come Kangbashi, costruita in cinque anni e pronta ad ospitare 1,5 milioni di persone mai arrivate.

citta-fantasma-cina-06.jpg

In ogni caso, molte sono rimaste completamente deserte, o quasi. Nelle immagini prese dall’alto grattacieli, uffici e aree residenziali all’avanguardia compongono uno skyline inanimato: senza persone né auto, se non – in qualche caso – quelle parcheggiate intorno agli edifici governativi. Sono circa 64 milioni le case disabitate delle 20 città che ogni anno vengono edificate nelle distese meno popolate dell’enorme territorio cinese.

 

Il mistero della Città Fantasma comparsa dal nulla

citta-fantasma-cina-07.jpg

All’inizio di giugno 2011, sarebbe apparsa davanti agli occhi stupefatti dei residenti di Huanshan, nella Cina orientale, una città fantasma: oltre il fiume Xin’an, gli increduli cittadini avrebbero ammirato per qualche minuto all’orizzonte un insieme di palazzi, uffici, alberi e montagne che non avevano mai visto fin allora. Una nebbia spettrale avrebbe ricoperto la città fantasma rendendo tutto ancora più suggestivo. I cittadini più solerti hanno subito impugnato macchina fotografica e videocamera e immortalato l’incredibile e momentaneo skyline.

L’apparizione si sarebbe verificata dopo un periodo di grandi piogge e di forte umidità. Secondo la spiegazione di alcuni esperti orientali quello visto dai residenti di Huanshan non sarebbe altro che un fenomeno naturale molto raro che si verificherebbe quando l’umidità presente nell’aria diventa più calda della temperatura delle acque sottostanti.

I raggi del sole, passando dall’aria più fredda a quella più calda, causerebbero un fenomeno di rifrazione: oltre le acque del fiume si sarebbe riprodotta l’immagine riflessa dei paesaggi circostanti, che però appaiono più offuscati e luccicanti. Questa sorta di miraggio – concludono gli esperti orientali – sebbene sia poco comune, si è più volte verificato in Cina.

citta-fantasma-cina-08.jpg

La spiegazione «scientifica» non ha convinto del tutto gli utenti del web: «Non capisco – commenta un’internauta su Youtube – I palazzi sono fermi lì. Quale sarebbe questo miraggio?». I residenti, invece, giurano di aver visto con i propri occhi la città fantasma: «E’ stato davvero spettacolare – conferma un cittadino al Daily Mail – Sembrava una scena di un film ambientato in un paese incantato».

Gli stessi abitanti di Huanshan hanno confermato che in passato fenomeni simili sono stati già intravisti, ma mai la città fantasma era apparsa così vera. C’è chi pensa ad un grosso esperimento di tecnologia olografica. O forse, potrebbe trattarsi di una sorta di sbirciatina in un universo parallelo, oppure una bolla temporale frutto di qualche esperimento segreto? Come al solito, tante domande, ma poche risposte!

L’enigma della ruota in Cina: inutile spreco o uno “stargate” dimensionale? Il mistero dell'”Anello della Vita”ultima modifica: 2012-11-19T15:17:35+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento