Dichiarazione shock del giudice Imposimato: “Il Gruppo Bilderberg dietro alle stragi di Stato italiane” [Video].

imposimato-la-repubblica-delle-stragi-impunite.jpgIn un’intervista rilasciata a margine della presentazione del suo nuovo libro “La repubblica delle stragi impunite”, l’ex magistrato e presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione, ha rilasciato alcune dichiarazioni che mettono in luce la verità storica che si nasconde dietro la lunga linea rossa, che va dalla bomba di piazza Fontana alle morti di Falcone e Borsellino, sui quali non si è fatta e non si farà mai piena luce.

Imposimato fa anche riferimento all’oscuro Gruppo Bilderberg, associazione segreta nota a tutti i complottisti (e non solo), portando un elemento di estremo interesse. Il primo ad aver trovato un legame tra il Bilderberg e la strategia della tensione italiana fu il magistrato Emilio Alessandrini, ucciso nel 1979 da un gruppo terroristico di estrema sinistra contiguo alle Brigate Rosse, Prima Linea.

Nel suo libro, Imposimato rievoca i terribili eccidi di persone innocenti, sacrificate a trame segrete e oscure ragioni di Stato, stragi ancora impunite, che hanno avvelenato il clima politico e sociale del nostro Paese e aumentato la sfiducia del popolo italiano verso le istituzioni.

L’ex magistrato ricostruisce, con documenti inediti e una originale visione d’insieme, i fatti di sangue orditi da terroristi di destra e di sinistra, servizi segreti deviati, bande armate. [Potenti nell’ombra: le società segrete che determinano il destino dei popoli].

Un’analisi lucida ed efficace, che non può non sollevare degli angoscianti interrogativi: quale ruolo ha avuto la politica nella stagione delle stragi di Stato? Perché alcuni uomini delle istituzioni hanno favorito quelle menti criminali?

Quale collegamento esisteva tra la strategia della tensione e Gladio, tra gli americani e gli attentati che hanno drammaticamente caratterizzato gli anni di piombo e quelli a seguire? E infine, è possibile che dietro a tutte le stragi e le strategie della tensione ci sia la mano di gruppi segreti di interesse come il Bilderberg? [L’Italia nelle mani del Gruppo Bilderberg].

Come scrive Furio Colombo sul Fatto Quotidiano, «“La repubblica delle stragi impunite” occupa un posto unico in quel tipo di letteratura che da tempo ormai ripropone come romanzo la narrazione dei fatti veri. Qui l’alterazione manca del tutto, il verbale è integro, le frasi vere. Eppure la narrazione tiene col fiato sospeso benché di tutto si conosca la fine, o meglio, il buio in cui alla fine precipitano, fra ambiguità, ritrattazioni, rovesciamento di sentenze e segreti di Stato. Tiene col fiato sospeso perché sai che stai partecipando a un segmento della Storia della Repubblica che avviene adesso, mentre leggi, mentre vorresti entrare nel corteo che chiede finalmente legalità.»

Ferdinando Imposimato, uno dei più noti e storici magistrati italiani, non è nuovo a dichiarazioni che tentano di sollevare il velo di segretezza e di cospirazione che copre la verità di quello che viene nascosto all’opinione pubblica. Già nel settembre del 2012, in una lettera scritta di suo pugno, paragona le dinamiche degli attentati alle Torri Gemelle di New York dell’11 settembre, a quelle che hanno animato gli attentati della Strategia della Tensione [Ferdinando Imposimato smaschera il complotto dietro gli attentati dell’11 settembre].

Oggi presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione, si è occupato, in ambito processuale, di alcuni dei casi più controversi della storia italiana: dal rapimento di Aldo Moro all’attentato a Papa Giovanni Paolo II, dall’omicidio Bachelet a quelli dei giudici Palma e Tartaglione, occupandosi quindi di mafia, camorra, terrorismo politico. Un indiscusso e profondo conoscitore di quell’intrecciato fenomeno che alle cronache risponde comunemente al nome di “strategia della tensione”.

Dichiarazione shock del giudice Imposimato: “Il Gruppo Bilderberg dietro alle stragi di Stato italiane” [Video].ultima modifica: 2013-01-17T11:29:55+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento