Androidi nei reparti di maternità e terrificanti robot-serpenti

robot-maternit%25C3%25A0.jpgNella città meridionale russa di Krasnodar, all’interno dell’università esiste una clinica, dove l’assistenza medica è fornita agli androidi. I robot-pazienti possono prestare servizio per dieci anni e aiutare a formare migliaia di medici.

Il robot Natasha, per esempio, ha già “partorito” duecento “bambini-androidi”. Questa macchina lavora 4-6 ore al giorno senza sosta. 

L’androide riesce a simulare tutte le dinamiche di un vero parto: doglie, dolori, grida, pianto. Oltre a questo, ogni giorno Natasha ha un parto con complicazioni con il rischio di “esito letale”.

I medici fanno pratica assistendo i robot-partorienti nelle situazioni più complicate, quando bisogna prendere decisioni fulminee per la salute del paziente. Un docente della cattedra universitaria di ostetricia imposta sul computer il modello del parto. Poi i medici-praticanti visitano la paziente, verificano il suo stato e ne misurano “il battito cardiaco”.

Soltanto in un centro simile si può “fare una pausa” – sospendere il processo del parto e determinare perché qualcosa è andato storto per poi fare le opportune correzioni. In tal modo ostetrici possono rendere automatiche le più azioni più complicate.

Anche i neonati-robot sono curati e, in caso di necessità, rianimati. Una particolare attenzione è rivolta agli androidi “nati prematuri” con il peso corporeo estremamente ridotto. I medici russi hanno imparato a salvare bambini che pesano soltanto mezzo chilo, ma le tecnologie mediche vanno continuamente perfezionate.

Nei reparti adiacenti a quello di neonatologia sono ricoverati “pazienti-androidi” altrettanto complicati. Qualcuno dei robot ha avuto un infarto, qualcun altro un ictus. L’attenzione agli androidi è assicurata. I medici-praticanti si trovano costantemente vicino a loro per poter prestare assistenza immediata in caso di necessità.

 

Terrificanti robot-serpenti

I ricercatori del laboratorio di biorobotica della Carnegie Mellon University hanno sviluppato un serpente robotico in grado di aggrapparsi e arrampicarsi su alberi e grondaie proprio come un rettile reale. Il robot è stato sviluppato per usi militari, civili e medici e potrebbe essere utilizzato in aree di difficile accesso come tra le macerie dei terremoti per cercare persone sepolte.

Questo tipo di dispositivo riesce a muoversi con grande libertà compiendo una serie di funzioni locomotorie che vanno oltre le capacità del robot convenzionali. “La vera forza di questi robot è che sono estremamente versatili, ottenendo comportamenti quali strisciare, arrampicarsi e nuotare”.

Androidi nei reparti di maternità e terrificanti robot-serpentiultima modifica: 2013-03-25T08:50:15+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento