Un mega impatto di 12.900 anni fa ha generato una nuova era glaciale?

topper-cometa-clovis-01.jpgE’ possibile che una un impatto avvenuto 12.900 anni fa con una grossa cometa abbia distrutto le antiche civiltà nordamericane e spinto la Terra in una piccola era glaciale?

Questa domanda è stata causa di accesi dibattiti tra gli scienziati fin dal 2007, quando venne scoperto il controverso sito archeologico di Topper, posto lungo il fiume Savannah, in South Carolina, negli Stati Uniti, famoso per il ritrovamento di artefatti, che in base alla datazione, indicherebbero una presenza umana nel continente americano fin da 50.000 anni fa: ben 37.000 anni prima rispetto alla teoria classica del popolamento delle Americhe (Cultura di Clovis).

Ebbene, un nuovo studio pubblicato il 17 settembre 2012 su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), fornisce alcune ulteriori prove che questa ipotesi non è un’idea tanto campata per aria.

L’archeologo Albert Goodyear è uno dei co-autori dello studio che conferma la ricerca pubblicata su PNAS nel 2007 da Richard Firestone, uno scienziato del Dipartimento di Energia presso il Lawrence Berkeley National Laboratory.

Durante le sue indagini, Firestone e il suo staff scoprirono in una dozzina di siti archeologici uno strato di sedimenti risalenti a circa 12.900 anni fa, composto da elevate concentrazioni di sferule microscopiche di metallo e nanodiamanti.

La particolare composizione della miscela fece subito pensare che si trattasse del risultato dell’esplosione nell’atmosfera terrestre di un oggetto di origine extraterrestre, come una cometa o un meteorite.

topper-cometa-clovia-02.jpg

Tra i siti esaminati c’era anche quello di Topper, uno dei luoghi più importanti degli Stati Uniti per la ricerca della cultura di Clovis, uno dei popoli più antichi della Terra.

“Questo studio indipendente è un ulteriore esempio di come la ricerca interdisciplinare fornisca preziosi risultati per la comprensione degli eventi che hanno caratterizzato il Pleistocene”, ha detto Goodyear, studioso del sito di Topper sin dal 1984.

Con l’espressione “Younger Dryas“, gli scienziati si riferiscono al periodo di raffreddamento estremo che ha avuto inizio circa 12.900 anni fa e che duro circa 1.300 anni. Questo breve picco di congelamento estremo si è verificato nel corso del progressivo riscaldamento successivo alla Glaciazione Wùrm, in netto contrasto con la deglaciazione globale e le sue cause non sono ancora chiare.

Secondo gli scienziati, il raffreddamento è stato così rapido da poter essere paragonato a quello mostrato nel film del 2004 “The Day After Tomorrow“. Il team di Firestone ha ipotizzato che l’impatto di un massiccio corpo celeste con Terra possa essere stato il catalizzatore della glaciazione Younger Dryas.

L’abbondanza dei campioni raccolti e l’analisi dettagliata dei sedimenti risalenti a circa 12.900 anni fa sarebbero compatibili con l’ipotesi di un mega impatto che avrebbe causato non solo l’estinzione dei grandi animali del Nord America – mastodonti, mammut e tigri dai denti a sciabola -, ma anche cancellato al Cultura di Clovis.

“La teoria dell’impatto extraterrestre getta una luce sugli eventi misteriosi che hanno dato inizio al periodo Younger Dryas, con un ritorno improvviso e inspiegabile del clima glaciale e la conseguente perdita rapida e simultanea di numerose specie animali del Pleistocene e di quella che gli archeologi chiamano la Cultura di Clovis”, spiega Albert Goodyear. “C’è sempre da imparare sul passato del nostro pianeta e il sito di Topper continua a essere un prezioso portale per la comprensione di questi affascinanti misteri”.

Goodyear svolge attività di ricerca presso l’Università della Carolina del Sud, presso l’istituto di Antropologia e Archeologia e ha cominciato a studiare la cultura Clovis già nel 1984. Con la speranza di trovare prove di una cultura precedente a quella Clovis, nel 1998, Goodyear cominciò gli scavi sul sito di Topper. I suoi sforzi furono ripagati dal ritrovamento di numerosi artefatti che egli crede appartenere ad una cultura glaciale risalente a ben 16.000 anni fa.

topper-cometa-clovis-03.jpg

Sulla base di queste scoperte, l’audace antropologo pensò che se la cultura di Clovis e i popoli successivi avevano utilizzato le cave di selce lungo il fiume Savannah, era probabile che altre popolazioni precedenti avessero fatto lo stesso.

Sulla base di questa intuizione, nel 2004 Goodyear scavò ancora più a fondo, trovando degli artefatti appartenenti ad una cultura pre-Clovis. La datazione al radiocarbonio stabilì che si trattava di reperti risalenti a circa 50.000 anni fa, suggerendo una presenza umana nella Carolina del Sud, molto più antica di quanto si pensasse.

Le scoperte di Albert Goodyear non solo hanno catturato l’attenzione dei media internazionali, ma ha suscitato un grande cambiamento di mentalità nella comunità scientifica, contribuenso in maniera decisiva al dibattito sulla possibilità della presenza in Nordamerica di antichissime culture precedenti alla Clovis.

Un mega impatto di 12.900 anni fa ha generato una nuova era glaciale?ultima modifica: 2013-05-17T08:52:18+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento