Un Reality Show per finanziare la colonizzazione di Marte? Tra un decina di anni, dopo l’Isola dei Famosi, sui nostri teleschermi potrebbe cominciare un nuovo reality: Il pianeta dei Famosi!

reality-show-su-marte-3.jpg

Mars One, una societa spaziale privata, sta progettando di inviare entre il 2023 un equipaggio di quattro persone su Marte con un viaggio di sola andata. A questo equipaggio se ne agggiungerà uno nuovo – sempre di quattro persone – ogni due anni, in modo da costituire, entro il 2033, la prima colonia umana su Marte composta da 20 persone, tra uomini e donne. L’azienda è in trattativa con diversi fornitori spaziali indipendenti, come la SpaceX, che recentemente ha lanciato il primo razzo di proprietà privata verso la Stazione Spaziale Internazionale.

reality-show-su-marte-1.jpg

Fin qui potrebbe suonare tutto abbastanza normale, tolto il fatto che si tratta di un viaggio di sola andata. Il fatto più curioso della vicenda è il sistema che hanno architettato quelli della Mars One per reperire i fondi per finanziare l’intrepida impresa spaziale. Infatti, la società olandese, guidata dal premio nobel dr. Gerard ‘t Hooft, sta contrattando con Paul Römer, co-creatore del reality Grande Fratello, la possibilità di rendere l’intera impresa spaziale il più incredibile Reality Show della storia della televisione. 

“Questa impresa riguarda tutta l’umanità, ed è questo uno dei motivi che ci ha spinto ad intraprendere questo progetto”, ha dichiarato il portavoce della Mars One. “Ed è anche il nostro modo di finanziare la missione: la colonizzazione di Marte sarà il più grande evento televisivo di sempre. Il mondo intero sarà in grado di assistere e orientare le decisioni dei concorrenti, comporre le squadre di coloni, seguire il loro addestramento per la missione e, finalmente, osservare il loro insediamento su Marte”.

reality-show-su-marte-2.jpg

I tele-astronauti, secondo i progetti di Mars One, condivideranno le loro attività con i telespettatori, quali costruire la loro nuova casa, condurre esperiementi ed esplorare il pianeta rosso. “Stiamo sviluppando il progetto Mars One fin dal 2011”, ha svelato Paul Römer. “Quando i fondatori di Mars One mi chiesero se ero disponibile a parlare di un reality con oggetto una missione du Marte, la prima cosa che pensai fu: questi sono pazzi! Perchè vogliono fare quello che la Nasa potrebbe fare tranquillamente in tutta sicurezza? Quella conversazione mi fece riflettere molto e quando cominciai a pensare in maniera creativa, mi resi conto di quanto sia scandaloso ed emozionante il concetto di missione a senso unico. Questi aspetti mi hanno convinto ad accettare l’idea e a rendere la missione su Marte il più grande evento mediatico di tutta la storia della televisione”.

A quanto pare, quindi, il progetto sarebbe più reale di quanto si possa immaginare. Certo, l’idea di rendere spettacolare una missione su Marte è affascinante. Ma come la mettiamo con il fatto che lì ci saranno delle persone che rischieranno la vita e che potrebbero morire in diretta, davanti a miliardi di telespettatori (forse è proprio questo l’aspetto che più alletta gli sponsor-sanguisuga)? Forse non è lontano il futuro in cui vedremo realizzati dei Reality Show tipo quelli immaginati nel recente film Hunger Games.

Comunque, sorrido all’idea di pensare a Enzo Paolo Turchi, oppure a uno di quegli squallidi personaggi dell’Isola dei Famosi impegnati nella colonizzazione di Marte. Dopo un’immagine del genere, avrei la certezza assoluta che su Marte non c’è vita intelligente! [Fonte].

Su Marte ci sarebbe vita biologica: la conferma arriva da nuove analisi

Mars Direct – Il progetto per conquistare Marte

Curiosity: il nuovo robottino della NASA per l’esplorazione di Marte

Colonizzazione della Luna e di Marte grazie ad un progetto italiano

Un Reality Show per finanziare la colonizzazione di Marte? Tra un decina di anni, dopo l’Isola dei Famosi, sui nostri teleschermi potrebbe cominciare un nuovo reality: Il pianeta dei Famosi!ultima modifica: 2012-06-07T12:00:00+02:00da kattolika177
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento