In vista della fine del mondo, un archivio per conservare le immagini più belle

Trevor-Paglen-01.jpgImmaginate che l’umanità sia in procinto di estinguersi definitivamente e che abbiate il compito di scegliere le cento fotografie, non una di più, maggiormente rappresentative della nostra specie, da lasciare come imperituro ricordo a chi verrà dopo di noi.

È il compito che si è prefissato l’artista Trevor Paglen con il suo progetto Last Pictures, avvalendosi della collaborazione di scienziati, antropologi ecuratori d’arte. Le immagini selezionate saranno lanciate in orbita attorno alla Terra su un satellite artificiale, per far conoscere a eventuali viaggiatori spaziali del futuro chi erano e cosa facevano gli esseri umani sulla Terra. 

Naturalmente, l’unico problema non è solo quello di selezionare le fotografie. Come assicurarsi che sopravviveranno a miliardi di anni di permanenza nello Spazio? Per fronteggiare queste questioni, l’artista si è avvalso della collaborazione con Brian Wardle, docente presso il Dipartimento di Aeronautica e Astronautica del Mit di Boston e direttore del Nano-Enginereed Composite aerospace Structures (Necst).

Secondo Wardle, il pericolo principale è rappresentato dalla diffusione, il lentissimo movimento delle molecole che può portare, nell’arco di milioni di anni, a degradare le immagini. Ma lo scienziato ha pronta la soluzione: “Usando un solo materiale, il silicio, e trattandolo in modo particolare, le immagini dovrebbero resistere alla diffusione”, assicura. Le foto saranno dunque incise su un disco di silicio e fissate all’interno di una capsula di alluminio. 

Bene. Le immagini resisteranno al tempo. Ma come le porteremo in orbita? Paglen ha pensato anche a questo: ha stretto un accordo con EchoStar Corporation, un’azienda statunitense che si occupa della manutenzione di satelliti usati per le telecomunicazioni. Il 20 novembre prossimo, EchoStar invierà il suo satellite dalla base Baikonur Cosmodrome del Kazakistan, portando in orbita il prezioso disco. Nella gallery proposta da Wired.com, alcuni tra gli scatti selezionati da Paglen. [Fonte].

In vista della fine del mondo, un archivio per conservare le immagini più belleultima modifica: 2012-11-06T21:43:59+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “In vista della fine del mondo, un archivio per conservare le immagini più belle

  1. Non facciamo disinformazione e smettiamola di usare questi titoli.
    Nessuno a mai parlato di fine del mondo il 21 dic 2012, bensì la fine di un era, dopo la quale l’essere umano sarà più evoluto in termini spirituali, e godrà di un lungo periodo di pace e prosperità!

Lascia un commento