Gli esseri umani che vivano 40 mila anni fa in Asia erano già geneticamente distinti dagli antenati degli europei moderni

ossa-fossili-Tianyuan-01.jpgLa distinzione dei gruppi umani è avvenuta prima di quanto si pensasse. A scoprirlo è uno studio condotto da un team internazionali di ricercatori che ha sequenziato il DNA estratto dall’osso di una gamba umana trovato nella Grotta Tianyuan.

Le analisi hanno rivelato che gli esseri umani viventi 40 mila anni fa intorno alla zona di Pechino era già geneticamente distinti dagli antenati dei moderni europei. Inoltre, la ricerca dimostra che l’uomo di Tianyuan condivide un’origine comune con gli antenati dei nativi d’America.

I ricercatori del Max-Planck-Institut di Antropologia Evolutiva di Lipsia, Germania, hanno anche scoperto che la percentuale di DNA di Neanderthal e Denisovan dei primi Homo Sapiens non era più alta rispetto all’uomo contemporaneo di questa regione. [Ecco la ricetta genetica per ottenere l’Homo Sapiens Moderno].

Gli scienziati hanno utilizzato il DNA del nucleo e mitocondriale dell’osso di una gamba umana risalente a 40 mila anni fa, rinvenuto nel 2003 nella Grotta Tianyuan. I risultati dello studio sono stati pubblicati online sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences.

ossa-fossili-Tianyuan-02.jpg

Le analisi sono state condotte grazie a tecniche di nuova concezione che consentono ai ricercatori di identificare il materiale genetico da un reperto archeologico molto antico, anche quanto sono presenti notevoli quantità di DNA appartenente ai batteri del terreno.

I ricercatori hanno poi ricostruito il profilo genetico del proprietario della gamba. Alcune parti del lavoro di ricerca sono state effettuate in un laboratorio gestito congiuntamente dalla Max Planck Society e dall’Accademia Cinese delle Scienze di Pechino.

“Questa persona è vissuto durante un passaggio evolutivo molto importante, quando i primi uomini moderni stavano progressivamente sostituendo uomini più antichi come i Neanderthal e di Denisovan, con i quali condividono alcune caratteristiche”, ha spiegato Svante Pääbo, antropologo a capo del team di ricerca. “Un ulteriore analisi sui primi uomini moderni di tutta l’Eurasia potrà certamente affinare la nostra comprensione di come e quando gli esseri umani si sono diffusi in Europa e in Asia”. [Credit Images: MPI for Evolutionary Antropology]. 

Gli esseri umani che vivano 40 mila anni fa in Asia erano già geneticamente distinti dagli antenati degli europei moderniultima modifica: 2013-01-25T16:39:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento