Una misteriosa forza attrae il nostro universo? Cosa genera il fenomeno del Flusso Oscuro?

universi-paralleli-2.jpgIl nostro Universo sembra in balia di una misteriosa forza cosmica che lo attira in una direzione specifica. Il  fenomeno è stato chiamato dai ricercatori “Dark Flow” – Flusso Oscuro -.

Gli scienziati non hanno idea della natura di quello che sta attirando il nostro mondo. Alcuni sospettano che la potente forza sia generata dalla massa gravitazionale di un universo adiacente al nostro.

Già nel Medioevo, le mappe mostravano immagini terrificanti di draghi in attesa ai confini del mondo conosciuto. Oggi, gli scienziati si trovano a che fare con un nuovo fenomeno osservato al limite dell’universo conosciuto.

Ai confini dell’Universo, una fascia enorme di ammassi galattici, è un preda a un misterioso flusso oscuro, facendoli muovere a un milione di miglia all’ora, lungo un percorso approssimativamente orientato verso le costellazioni del Centauro e di Idra. La forza e la direzione di questa corrente cosmica si mantiene costante nello spazio e nel tempo, e sembra puntare nella stessa direzione e mantenere la stessa ampiezza.

“Sembra che l’intera materia dell’Universo si stia muovendo verso una direzione ben precisa”, ha detto  Alexander Kashlinsky del Goddard Space Flight Center di Greenbelt, nel Maryland. “Non abbiamo informazioni sufficienti per spiegare il fenomeno osservato. Possiamo solo dire con certezza che da qualche parte, oltre i confini conosciuti, il mondo è molto diverso da quello che vediamo a livello locale. 

Uno dei modelli proposti per la spiegazione del fenomeno è quello della Teoria delle Stringhe che prevede l’esistenza di universi paralleli, anche se non direttamente osservabili. “Dobbiamo immaginare il nostro universo come una scatola che contiene un liquido al suo interno”, spiega Laura Mersini, fisico dell’Università del North Carolina.

“Se il nostro universo è tutto ciò che esiste, allora il liquido in esso contenuto deve rimanere immobile. Ma se il liquido è attratto in una direzione, significa che ci deve essere qualcosa di molto più grande rispetto alle dimensioni del nostro universo. C’è una struttura oltre l’orizzonte visibile del nostro universo e quella struttura sta esercitando una forza sul nostro universo, creando la corrente oscura”, conclude Mersini.

[Una nuova forza oscura si aggira per l’universo]

“Che si tratti di un altro universo o di una configurazione differente dello spazio-tempo, non lo so”, ammette Kashlinsky. “Si tratta di qualcosa che non ci eravamo proposti di trovare”. L’Universo, quindi, non è solo in espansione, come vuole il modello elaborato da Edwin Hubble, ma è anche attratto in una direzione.

Questa misteriosa forza si colloca di diritto nell’esclusiva famiglia dei fenomeni “oscuri”, cioè quella classe di misteri cosmologici che la scienza non ha ancora compreso a pieno: materia oscura, energia oscura e flusso oscuro. Il nuovo studio compare nel numero del 20 marzo di The Astrophysical Journal Letters.

 

Letture suggerite

copj170.asp?f=9788806186135La realtà nascosta. Universi paralleli e leggi profonde del cosmo

Brian Greene

L’autore di “L’universo elegante” e “La trama del cosmo” affronta la domanda delle domande: il nostro è l’unico universo? Un tempo, la parola universo significava tutto ciò che esiste. Ogni cosa. Ma negli ultimi anni le scoperte della fisica e della cosmologia hanno portato un certo numero di scienziati a concludere che il nostro universo potrebbe essere uno dei molti esistenti.

[Disponibile si IBS]

Con una prosa cristallina e un uso ispirato dell’analogia, Brian Greene illustra il ventaglio delle proposte di “multi-verso” che emergono da teorie sviluppate per spiegare le sofisticate osservazioni delle particelle subatomiche e delle oscure profondità dello spazio:

un multiverso in cui chi sta leggendo questa frase ha un numero infinito di doppi che leggono la stessa frase in universi distanti; un multiverso che comprende un vasto oceano di universi-bolla, dei quali il nostro non è che uno; un multiverso che nel corso del tempo attraversa lo stesso ciclo all’infinito, un altro che forse è sospeso a pochi millimetri da noi e tuttavia rimane invisibile, un altro ancora in cui ogni possibilità permessa dalla fisica quantistica prende vita. 

Da ultimo un multiverso, forse il più strano di tutti, fatto esclusivamente di matematica. Greene, uno dei più importanti fisici e scrittori di scienza, ci guida in un’esplorazione di questi mondi paralleli, che rivela quanta parte della vera natura della realtà potrebbe essere nascosta al loro interno.

—————————————-

copj170.asp?f=9788842815501Bussando alle porte del cielo. L’Universo come non l’abbiamo mai conosciuto

Lisa Randall

Gli ultimi sviluppi della fisica hanno arricchito in modo sostanziale la nostra visione dell’Universo. Come si è formato e come si evolve? Quali sono le forze fondamentali che determinano la sua vita? E qual è il ruolo della scienza nella vita stessa degli uomini?

Da Galileo a Newton, da Einstein a Feynman, fino alle vette raggiunte dalla ricerca attuale, la volontà di rispondere a queste domande si trova alla base di un percorso tra i più affascinanti e decisivi dell’impresa scientifica moderna.

[Disponibile su IBS]

Nell’esplorazione di questo percorso, Lisa Randall, cosmologa e fisica teorica tra le più influenti, si dimostra una guida ideale. Ricostruisce le fasi storiche cruciali nella conoscenza progressiva dell’Universo; illustra i modi in cui gli scienziati decidono quali problemi affrontare, e come si muovono verso la soluzione; pone in rilievo il ruolo che giocano, nel pensiero scientifico, il rischio, la creatività, la bellezza, la verità.

Infine, riserva al lettore le acquisizioni più recenti nel campo della ricerca sulla materia e sulla costituzione dell’Universo, grazie anche all’attività sperimentale nel Large Hadron Collider, il superacceleratore di particelle del CERN di Ginevra, dove Lisa Randall è impegnata in prima persona.

Con “Bussando alle porte del cielo”, dopo “Passaggi curvi”, l’autrice getta nuova luce sui grandi quesiti scientifici, e compie un passo avanti nel tentativo di rispondere alla domanda che da sempre ci accompagna: chi siamo e da dove veniamo?

Una misteriosa forza attrae il nostro universo? Cosa genera il fenomeno del Flusso Oscuro?ultima modifica: 2013-04-17T07:17:00+02:00da kattolika177
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento