C’è un buco nel sole! Gigantesca cavità coronale sulla superficie del Sole

buco-corona-sole-01.jpgNel corso dell’ultima parte della scorsa settimana, il Sole ha mostrato verso la Terra un enorme zona vuota sulla sua superficie (28-31 maggio 2013)!

Si tratta di quello che gli studiosi chiamano ‘buco coronale’, origine di forti raffiche di vento solare che trasportano particelle cariche verso la nostra magnetosfera e oltre.

Nonostante si tratti di un fenomeno abbastanza noto, quello apparso alla fine di maggio è particolarmente degno di attenzione, in quanto, come confermato dal sito del Solar Dynamics Observatory della Nasa, si tratta di uno dei più grandi osservati negli ultimi anni.

I buchi coronali appaiono più scuri nelle immagini ultraviolette perchè presentano una densità di plasma molto bassa. Il vento solare da essi generato può impiegare anche 2-3 giorni per arrivare alla Terra, generando lo straordinario fenomeno delle aurore boreali.

L’immagine mostrata sul sito della Nasa è stato ottenuto applicando tre filtri ultravioletti. E’ possibile anche osservare i giganteschi campi magnetici nella corona inferiore del sole, alcuni dei quali sono chiusi su se stessi (chiamati ‘loop’), creando delle ‘gabbie magnetiche’ capaci di catturare il plasma rovente che origina dalla superficie del sole.

Tuttavia, vi sono anche delle linee di campo ‘aperte’ che proiettano il plasma incandescente verso lo spazio interplanetario a velocità altissime, spesso condizionando le condizioni meteorologiche spaziali.

Queste regioni ‘aperte’, o detti appunto ‘buchi coronali’, agiscono come manichette antincendio che ‘sparano’ plasma nello spazio. Questa è l’origine del vento che spinge il materiale solare verso la Terra.

buco-corona-sole-02.jpg

Leggi:

Tempesta solare in corso: raggiunto KP-6 nell’indice del NOAA

Strane anomalie solari nel corso del 2012

Attualmente, il Sole sta registrando un aumento progressivo della sua attività, preparandosi a quello che le statistiche individuano come ‘massimo solare’, ovvero il picco del suo ciclo naturale di 11 anni.

A questo punto, è ragionevole aspettarsi un aumento della frequenza dei brillamenti solari e di espulsione di massa coronale. I buchi coronali che stiamo osservando sono la conseguenza dell’aumento delle turbolenze che stanno interessando la nostra stella.

C’è un buco nel sole! Gigantesca cavità coronale sulla superficie del Soleultima modifica: 2013-06-04T12:34:11+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento