L’economista premio Nobel Paul Krugman ha la soluzione per la crisi economica: fare investimenti militari preparandoci ad una (falsa) Invasione Aliena

paul-krugman.jpg

Secondo il professore di Princeton, gli Stati Uniti potrebbero ottenere una solida ripresa dell’economia se il governo iniziasse un piano di investimenti finalizzati allo sviluppo di un piano militare anti-ET, in vista di una possibile invasione aliena. Il professore si è addirittura spinto a dire che potrebbe aiutare anche una “falsa guerra dei mondi”!

Se a fare questa dichiarazione non fosse stato Paul Krugman, noto economista americano, premio Nobel per l’economia e apprezzato editorialista del New York Times, buona parte della stampa internazionale non avrebbe neanche preso in considerazione un’affermazione del genere, oppure l’avrebbe liquidata come una “battuta” dovuta a questa calda estate 2012. Invece, l’autorevolezza del personaggio spinge a farsi qualche domanda e approfondire la questione.

In verità, la proposta di Krugman non è nuovissima. Già l’anno scorso, commentando per la CNN un episodio di “Twilight Zone” nel quale gli scienziati fingono una massiccia incasione aliena per raggiungere la pace nel mondo, il professore di economia si spinse a dire: “Mi sembra che anche la nostra epoca abbia bisogno di qualcosa del genere per stimolare l’economia”.

L’idea del premio Nobel si rifà alla strategia economica utilizzata dagli Stati Uniti nel corso della Grande Depressione del 1929, grazie alla quale il governo americano, con un consistente ricorso alla spesa pubblica, riuscì a portare il paese fuori dalla crisi e far riprendere completamente l’economia americana.

Il professore insiste. In una intervista rilasciata a Chris Hayes ha dichiarato: “L’altro grande evento che ha portato gli Stati Uniti fuori dalla Grande Depressione è stato la loro partecipazione alla Seconda Guerra Mondiale in Europa”, ha poi dichiarato il professore della Università di Princeton. “Sarebbe utile, quindi, se ci trovassimo di fronte a un problema tale da indurre il governo a iniziare un piano di investimenti pubblici che faccia riprendere l’economia americana”. Se non vogliamo fare una Terza Guerra Mondiale, “la minaccia di una falsa invasione aliena potrebbe essere l’alternativa”. (Questi sono pazzi, n.d.r.).

Il professore di Princeton è un noto appassionato di fantascienza, il che potrebbe spiegare il suo progetto creativo per stimolare la ripresa economica. Ma potrebbe anche esserci un’altra risposta alla “follia calcolata” di quest’uomo. In un post di qualche tempo fa, segnalavo il progetto, da parte dell’establishment al potere, di inscenare una falsa invasione aliena nel corso delle olimpiadi di Londra 2012. Il fatto che si torni a parlare di “false invasioni alieni” per stimolare l’economia, mi lascia perplesso.

Paul Krugman non è uno sprovveduto e sicuramente è in buoni rapporti con il vertice del potere mondiale (altrimenti quando lo vinceva il premio Nobel?). Quindi, le ipotesi sono due: o il professore è un “maligno” sognatore (come si può ipotizzare di inscenare una bugia per far riprendere l’economia, quando ormai sappiamo bene che la crisi-truffa economica globale è dovuta allo strapotere delle Banche Centrali e al signoraggio), oppure Krugman ha semplicemente riportato un progetto che è nelle possibilità dei potenti del mondo e che induce ad un’altra amara riflessione: ma non è che anche la Seconda Guerra mondiale – come la Prima – sia stato un evento programmato per far ripartire l’economia mondiale? Se così fosse, amici miei, stiamo costruendo la peggiore umanità possibile.

Eppure, a pensarci bene, tutto ciò ha una sua (perversa) logica. Se il sistema monetario è basato sul Debito Inestinguibile, per forza di cose, ciclicamente, quando gli Stati non sono più in grado di saldare il debito, è necessario azzerare “letteralmente” tutto. La Seconda Guerra mondiale ha vista la distruzione completa di alcune delle città più importanti di Europa. Allo sguardo cinico di un uomo come Paul Krugman, le macerie delle abitazioni non sarebbero state il simbolo della sofferenza e del dolore delle popolazioni, ma una succulenta opportunità di arricchimento generata dalla necessità della ricostruzione.

E cosa pensare degli attacchi dell’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle? Anche il terrorismo internazionale, allora, potrebbe essere una messa in scena per giustificare invasioni di paesi sovrani (Iraq) per necessità di tipo energetico? Non solo, a seguito del Patriot Act, i cittadini americani hanno visto una drastica riduzione dei loro diritti civili di base. Anche la Falsa Invasione Aliena servirà per abolire una parte dei nostri diritti civili? Forse sarà la stessa popolazione mondiale che, impaurita dal falso attacco alieno, chiederà ai governi nazionali di restringere le loro libertà, pur di essere salvati dagli spietati extraterrestri. Solo allora, gli Illuminati, avranno la certezza di aver conseguito una vittoria schiacciate. Svegliamoci gente, questi ci stanno prendendo in giro. [Fonte].

Una (falsa) invasione aliena alle Olimpiadi di Londra 2012?

Crisi del Debito (ovvero Truffa del Debito) – La Grecia a un passo dall’uscita dall’Euro

La crudeltà dei “Ricchi Illuminati” [Vedi Crudelia Christine Lagarde]

Una bambina di 12 anni dà una lezione di economia equa ai Banchieri Illuminati

L’Italia nelle mani del Bilderberg e soci

L’economista premio Nobel Paul Krugman ha la soluzione per la crisi economica: fare investimenti militari preparandoci ad una (falsa) Invasione Alienaultima modifica: 2012-06-24T08:52:00+02:00da kattolika177
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “L’economista premio Nobel Paul Krugman ha la soluzione per la crisi economica: fare investimenti militari preparandoci ad una (falsa) Invasione Aliena

  1. ovviamente da una situazione economica di questo tipo è necessario uscirne attraverso quella che può essere qualcosa di più grande, come una guerra mondiale o un qualcosa di esterno all’umanità, come lo sono stati tutti gli eventi del passato che sono serviti allo stesso scopo. Eventi sempre più grandi per una civiltà che diventa sempre più complessa. Il settore militare è stato fin da sempre una molla per l’economia e sempre nella storia le più grandi riprese si sono avute dopo una catastrofe..

  2. il vero problema su questo pianeta è l’IGNORANZA, seguita dal “tanto ci sta qualcuno che pur limitandoci ci salverà”! Il bello che molti su questo pianeta non la pensano come gli ignoranti. Anzi parlando in prima persona, se dovessi scegliere tra essere salvato da un FALSO mio simile(umano) o da un ALIENO, sicuramente scelgo quest’ultimo dato che dei miei simili non posso fidarmi!Domanda a voi che sapete tutto: cazzo ci vengono a fare sul pianeta terra se il loro scopo è quello di invaderci?!?! potevano farlo ai tempi della pietra quando eravano indifesi e non ora che possediamo la loro tecnologia.

    L’attacco terroristico del 9/11/01 è tutto made in USA(l’avevano gia fatto in passato, perche non avrebbero potuto rifarlo, chi glielo avrebbe impedito?!?!?!), io sfortunatamente sono uno di quelli che non crede alle coincidenze, ma analizza i fatti svolti(e l’analisi fatta sull’attacco del 9/11/01 portano alla conclusione che è tutto stato concepito e portato a termine dagli stessi AMERICANI….gli iraqeni sono solo il capo espiatorio). Altro punto focale è tutta questa arroganza dell’umano sulle domande idiote: tipo siamo soli nell’universo???(certo che no, l’universo pullula di vita)

Lascia un commento