Spagna: un frammento meteoritico si trasforma in un’enorme palla di fuoco e illumina il cielo [Video]

meteora-spagna.jpgAstronomi e astrofili sono rimasti sbalorditi dopo aver osservato un corpo celeste solcare i cieli di Madrid e disintegrarsi nell’atmosfera terrestre ad un’altitudine di 100 chilometri, mentre viaggiava a circa 75 mila chilometri orari.

L’incidente è avvenuto il 15 aprile 2013 intorno alle 21:45, in  Spagna, nei pressi della capitale, ma la luce generata dalla meteora è stata così intensa da poter essere osservata anche in luoghi più lontani come Siviglia e Granada. 

L’oggetto, immortalato dagli strumenti dell’Osservatorio Hita dell’Università di Huelva, ha colpito l’atmosfera terrestre sopra il quartiere Villamuelas, nella zona sud-ovest di Madrid.

Secondo quanto diffuso dall’Istituto spagnolo per lo studio di meteore e meteoriti, la palla di fuoco è stata classificata come un pezzo di una cometa che volava in prossimità della Terra. “Non riuscivamo a credere a quello che avevamo appena visto”, ha dichiarato Ana Leonor Hernandez, una delle astronome dell’Osservatorio.

“Stavamo osservanod il cielo, quando un lampo improvviso ha cominciato a crescere in una manciata di secondi”, racconta la Hernandez a Russia Today. “Quando c’è stata l’esplosione, tutto intorno a noi è diventato bianco per alcuni secondi, come se fosse pieno giorno, con alcuni lampi blu e verdi che hanno seguito l’enorme scia bianca”.

“L’impatto è stato così violento che l’oggetto ha immediatamente preso fuoco, creando una sfera luminosa a circa 100 chilometri di altitudine”, spiega Jose Maria Madiedo dell’Università di Huelva.

“La meteora ha poi virato verso Madrid viaggiando ad oltre 75 mila chilometri orari prima di disintegrarsi completamente a 70 chilometri dal suolo”. Tuttavia, secondo Madiedo, il rischio che l’oggetto cosmico potesse colpire la Terra è stato praticamente nullo.

Spagna: un frammento meteoritico si trasforma in un’enorme palla di fuoco e illumina il cielo [Video]ultima modifica: 2013-04-16T12:11:23+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento